Un dono d'ali - Richard Bach - Copertina

Un dono d’ali

Un dono d'ali Un dono d'aliRichard Bach; Rizzoli 1987WorldCatLibraryThingGoogle BooksBookFinder 

Richard Bach ha scritto parecchi libri. Il primo è stato subito un successo. Si tratta di “Il gabbiano Jonathan Livingston”. Poi ne sono seguiti altri, tutti bellissimi.

Insieme a “Biplano”, questo è forse il mio preferito.

Un dono d'ali - Richard Bach - Copertina
La copertina del libro semplice ed evocativa: in uno sfondo piuttosto scuro, l’unico bagliore di cielo chiaro avvolge il biplano in volo

“Un dono d’ali” contiene i punti salienti di quindici anni di vita di Bach. Lui ha imparato a scrivere intanto che imparava a volare.

Non è un libro riservato a chi vola. Però chi vola capisce immediatamente ogni parola, ogni sillaba di questo libro.

Gli altri, quelli che non volano, sono forse coloro che più possono beneficiare della lettura di “Un dono d’ali”, perché saranno portati alla comprensione della gioia e del significato del volo. Ne conosceranno gli ingredienti straordinari fatti di avventura, libertà, ricerca della perfezione, tecnica e filosofia della vita.

Il lettore verrà proiettato in un mondo fatto di persone un po’ “speciali”, che potrebbe incontrare nella vita di tutti i giorni senza riconoscerle. Dal fornaio, al supermercato o all’ufficio postale, l’uomo tranquillo che sta facendo la fila potrebbe essere un pilota appena sceso da un mondo fatto di nuvole e sole, orizzonte piatto o montagne altissime, che sotto di lui apparivano come un’increspatura della terra.

Bach stesso incontra una di queste persone, su un aereo di linea che attraversava l’America da S. Francisco a Denver. Per novecento miglia l’uomo gli racconta della sua vita di pilota, della guerra, dei trasporti di soldati, di Iwo Jima etc. Poi, in cinque secondi gli liquida i ventitré anni passati dopo la guerra, a fare il commesso viaggiatore.

Perché volare è una passione fortissima, talmente forte che a volte si considera questa come l’unica ragione di vita.

Bach dice: ”Chiedimi perché volo e non saprei cosa dire. Invece, potrei portarti su un aeroporto, un sabato mattina, alla fine di agosto….” E’ quello che facciamo noi piloti. Non possiamo spiegare la passione per il volo, ma spesso portiamo qualcuno con noi in aeroporto, andiamo in volo e dopo, forse, il nostro passeggero ha un’idea più chiara del perché voliamo.

Un dono d'ali - Richard Bach - Retro
La retrocopertina del libro con l’elenco degli altri volumi di questo autore, informazione assai utile per chi voglia leggerli o collezionarli.

Ogni capitolo contiene un pezzettino di spiegazione del perché amiamo così tanto questo mondo fatto di macchine di legno e tela, o di metallo lucidissimo, di motori che hanno ognuno la propria voce caratteristica, fatto di odori tipici, di olio e benzina, fatto di racconti, di meccanici sui quali riponiamo una fiducia assoluta, fatto di comunicazioni radio, fatto di numeri e sistemi di misura aeronautici, di vento, di temporali, piste, circuiti di traffico, navigazione…

Ogni capitolo trasferisce nella mente del lettore un po’ della mente di un pilota. Alla fine il lettore non diventerà pilota, ma comprenderà meglio la sua mentalità.

I libri di Bach non sono difficili da trovare. Basta entrare in qualunque libreria e se proprio non lo troviamo da soli, chiedere al commesso … sicuramente ve ne troverà una copia.



Recensione a cura di Evandro Detti

Biplano - Richard Bach - Copertina
Biplano
Un dono d'ali - Richard Bach - Copertina
Un dono d'ali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.